L'approccio teorico-metodologico

Si tratta di un approccio teorico-metodologico integrato (Sistemico-Relazionale, Ipnoterapia, Terapie Strategiche). Questo consente di elaborare un piano di lavoro personalizzato e adeguato al tipo di paziente, al tipo di problema o disturbo, al tipo di richiesta o obiettivo concordato, alla fase specifica del lavoro. La terapia strategica non pretende di interpretare razionalmente le cause del disagio, bensì essa si occupa di modificare la situazione del paziente verso l'innalzamento dei livelli di qualità di vita.

  • La persona, unica e irripetibile, è sempre degna di rispetto e capace di comunicare in un rapporto bidirezionale il proprio vissuto con chi le è di fronte, indipendentemente dalla situazione contingente: il primo assioma della pragmatica della comunicazione secondo Paul Watzlawick afferma che è impossibile non comunicare; qualsiasi interazione umana è una forma di comunicazione. Qualunque atteggiamento assunto da un individuo, diventa immediatamente portatore di significato per gli altri.
  • Il rapporto terapeuta-paziente è fondato su un contratto di collaborazione unico. Il paziente non è il solo che ha la responsabilità e il potere di agire concretamente il cambiamento, il terapeuta si assume la responsabilità del risultato.

Avvio di un Intervento

Primo incontro Si tratta di un incontro conoscitivo per il paziente ed il terapeuta, che già in questa fase di accoglienza formula le prime ipotesi di lavoro, se è il caso si iniziare un percorso psicoterapeutico.

L'analisi della domanda Diversamente dagli altri approcci, mentre si inquadra la domanda di aiuto, si è già messi al lavoro rispetto alla soluzione del problema. La psicoterapia prevede un numero di incontri variabile dai 15 ai 20, secondo un preciso contratto terapeutico. Il raggiungimento degli obiettivi dipende dal terapeuta e dalle difficoltà soggettive del paziente, ma non dalla sua collaborazione, visto che chi giunge in psicoterapia vive delle difficoltà, anche relative alla volontà, che vanno affrontate grazie allo psicoterapeuta. Ci si incontrerà una volta a settimana. Il tempo di ogni incontro si aggira intorno ai 50 minuti, ma non in modo rigido: in alcuni casi, può impegnare più tempo, senza per questo gravare sui costi economici sostenuti dal paziente, che restano sempre gli stessi indipendentemente dalla durata dell'incontro. Verrà concordato l'impegno ad essere presente e puntuale da parte di entrambi. Solo in caso di eccezioni ed urgenze è possibile chiedere il recupero della seduta in altro giorno, nella settimana corrente o successiva. Verrà firmato un modulo di consenso al trattamento dei dati e di accordo sui suddetti termini della collaborazione. Quanto emerge in seduta è protetto dal segreto professionale.



Quando e perché chimagesiedere aiuto

Così come ho fatto quando, per un problema organico, mi sono rivolto al medico e ho curato la patologia fisica, allo stesso modo tu puoi rivolgerti allo specialista Psicoterapeuta per ricevere informazioni e per modificare in meglio la situazione, se hai dubbi sul fatto che qualcosa non vada come dovrebbe, su quel malessere interiore o psicosomatico che non riesci a spiegare o a superare e di cui cerchi la soluzione.



 
pnl@psicologonapolipnl.info  http://www.psicologi-italia.it/psicologo-campania/psicologo-napoli/index.html
  Site Map